LA VERNICIATURA A POLVERE NELL'AMBIENTE DI LAVORO

Nel settore della verniciatura è necessario fare una distinzione tra i due metodi principali: la verniciatura a liquido e la verniciatura a polvere.

La verniciatura a polvere, rispetto alla tradizionale verniciatura a liquido, rilascia quantità minime di SOV, Sostanze Organiche Volatili, che rappresentano un serio problema se rilasciate in un ambiente chiuso come ad esempio un capannone industriale. Per questo motivo rappresenta senza dubbio la soluzione migliore da adottare per garantire la salubrità all’interno della zona produttiva e la salute delle persone coinvolte nei processi di lavoro. La verniciatura a polvere è infatti considerata una “green technology”, adatta quindi ad essere utilizzata anche in ambienti di lavoro chiusi.

Grazie ad un efficace impianto d’aspirazione e filtrazione della polvere in eccesso, l’aria purificata può essere reimmessa nella stessa area lavorativa senza bisogno di installare condotte per convogliare l’aria all’esterno.

Un ulteriore aspetto positivo sta nella possibilità di recuperare la polvere di vernice in eccesso, che durante il processo di filtrazione viene separata e raccolta grazie ad un apposito setaccio. La polvere recuperata viene poi riutilizzata in modo tale da ridurre il più possibile gli sprechi.

Cliccando QUI puoi scaricare la nostra brochure dedicata al settore della verniciatura a polvere e scoprire le caratteristiche ed il funzionamento dei nostri prodotti, grazie ai quali potrai filtrare e recuperare la polvere di vernice, purificando allo stesso tempo l’aria dell’ambiente lavorativo.
Cliccando QUI potrai scaricare le schede tecniche e i modelli 3D dei vari prodotti.

BACK
TOP